SEI IN > VIVERE FERRARA > CRONACA
articolo

Maltrattamenti in famiglia e stalking: eseguite due misure cautelari

2' di lettura
12

Nei giorni scorsi, la Polizia di Stato ha dato esecuzione a due misure cautelari emesse dal GIP presso il Tribunale di Ferrara per due casi di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori.

In particolare, la Squadra Mobile della Questura di Ferrara ha notificato ad un ragazzo di circa 30 anni gravemente indiziato del reato di maltrattamenti in famiglia, l’ordinanza che dispone l’allontanamento dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, prevedendo contestualmente anche l’obbligo di presentazione alla P.G.

Il provvedimento compendia gli esiti di un’attività investigativa svolta dalla Polizia di Stato e coordinata dalla locale Procura della Repubblica, che nasce dalla denuncia sporta dal padre del giovane in relazione ad una escalation di atteggiamenti preoccupanti e violenti realizzati dal figlio nei confronti dei genitori, tali da rendere incompatibile la convivenza familiare. I successivi approfondimenti e le testimonianze raccolte dalla Squadra Mobile hanno permesso di giungere ad un grave quadro indiziario nei confronti dell’indagato, evidenziando le reiterate condotte di ingiuria e minaccia che lo stesso avrebbe posto in essere, pretendendo continuamente dai suoi genitori somme di denaro e minacciandoli in caso di rifiuto, costringendoli a vivere in uno stato di terrore e asservimento, danneggiando le suppellettili domestiche e minacciando in più occasioni gesti di autolesionismo, tanto da rendere necessari plurimi interventi delle forze dell’ordine.

Altro divieto di avvicinamento è stato applicato dalla Squadra Mobile nei confronti di un uomo residente a Ferrara, indagato per stlaking nei confronti di una donna. L’individuo, negli ultimi mesi del 2023, si sarebbe assiduamente appostato fuori dall’abitazione della vittima e all’esterno di quella ove la stessa presta attività lavorativa, urlando al suo indirizzo parole e frasi ingiuriose. In un’occasione, inoltre, mentre la donna stava transitando a piedi sotto la sua abitazione, l’indagato avrebbe lasciato cadere dal balcone un vaso di fiori, costringendo la donna a spostarsi rapidamente per non essere colpita. All’esito delle indagini, dunque, l’Autorità Giudiziaria ha emesso la misura cautelare in argomento che impone all’uomo, non solo di non potersi avvicinare ai luoghi frequentati dalla persona offesa, ma anche di mantenersi ad una distanza non inferiore a 500 metri e di non comunicare con la stessa.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Ferrara.
Per Telegram cercare il canale @vivereferrara o cliccare su https://t.me/vivereferrara
È attivo anche il nostro canale Facebookfacebook.com/vivereferrara/


Questo è un articolo pubblicato il 25-01-2024 alle 07:54 sul giornale del 26 gennaio 2024 - 12 letture






qrcode