Scoperti sei lavoratori clandestini in un laboratorio di confezioni. Denunciati tre imprenditori cinesi per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina

2' di lettura 09/05/2023 - Sono sei i lavoratori di etnia cinese irregolari sul territorio nazionale, scoperti dai finanzieri del Comando Provinciale di Ferrara nell’ambito di specifica attività avviata nei confronti di tre imprese manifatturiere del pronto moda e volta a verificare il regolare adempimento degli obblighi tributari.

Le tre aziende, gestite da soggetti di etnia cinese, operano nel medesimo stabilimento a Ferrara. Nel corso delle attività, i finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza hanno identificato complessivamente quindici persone, tutte di origine cinese, formalmente dipendenti di una delle tre imprese, ma di fatto utilizzate in modo promiscuo.

Su quindici persone identificate, sei sono risultate in stato di clandestinità. Per tale motivo queste ultime sono state accompagnante presso la Caserma della Guardia di Finanza di via Palestro, per il fotosegnalamento. Con il supporto dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Ferrara, è stato poi avviato il successivo iter procedurale previsto dalla normativa sull’immigrazione che ha portato a segnalare i clandestini all’Autorità Giudiziaria per la permanenza illegale nel territorio nazionale. Nei loro confronti sono stati anche notificati i provvedimenti di espulsione disposti dal Prefetto di Ferrara e l’ordine del Questore a lasciare il territorio nazionale.

A carico del titolare dell’impresa che ha occupato i propri connazionali privi del permesso di soggiorno e degli altri due amministratori delle aziende che risultano avere sede nello stesso capannone, è scattata la denuncia per il reato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina. In particolare, al datore di lavoro è stato contestato l’ingiusto profitto della condizione di illegalità accertata a carico dei sei lavoratori clandestini, in relazione alle precarie condizioni igienico sanitarie in cui versavano l’alloggio e i locali comuni (bagno e cucina) che erano stati dati in uso a quest’ultimi.

Ora l’attenzione dei finanzieri del Gruppo è concentrata a definire i ruoli di ciascuno dei titolari delle imprese per verificare la reale operatività delle medesime e la regolarità dei relativi rapporti economici e finanziari instaurati per l’esecuzione delle commesse che superano i tre milioni di euro all’anno. Un’impresa, in particolare, ha ordini in corso di lavorazione, da importanti società operanti nel mondo della moda.

L’operazione rientra nell’ambito delle attività espletate dalla Guardia di Finanza volte al contrasto delle irregolarità perpetrate da imprese che, sfruttando gli indebiti vantaggi del lavoro nero ed irregolare, producono effetti distorsivi sulla economia del territorio, alterando le regole della libera concorrenza.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Ferrara.
Per Telegram cercare il canale @vivereferrara o cliccare su https://t.me/vivereferrara
È attivo anche il nostro canale Facebookfacebook.com/vivereferrara/





Questo è un articolo pubblicato il 09-05-2023 alle 09:23 sul giornale del 10 maggio 2023 - 22 letture

In questo articolo si parla di cronaca, emilia romagna, notizie, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/d7J1





logoEV
qrcode