Sparatoria davanti al comune, morto Gregnanini. Era stato ferito da un collega

pistola 1' di lettura 10/09/2022 - L'episodio risale al 3 marzo scorso; l'uomo da allora era ricoverato in terapia intensiva a Cona.

A oltre sei mesi dalla sparatoria a Ferrara che lo vide gravemente ferito, è morto Roberto Gregnanini, 60 anni, dipendente comunale. Ne dà notizia il sindaco di Ferrara Alan Fabbri. A sparargli fu un collega, Michele Cazzanti, arrestato a Cremona dopo una fuga di oltre sette ore. Riferì di aver subito persecuzioni da parte dei colleghi, indicandoli come il movente della sparatoria, ma una volta interrogato, aveva dato spiegazioni senza senso e convinto gli stessi suoi difensori a chiedere una perizia psichiatrica, richiesta fatta poi propria dalla procura. Alla luce della morte di Gregnanini l'accusa passò poi da tentato omicidio a omicidio.

Roberto è rimasto in coma tutto questo tempo, ma dopo un miglioramento registrato a giugno, la situazione è irreversibilmente peggiorata negli ultimi giorni, fino a portarlo al decesso.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Ferrara.
Per Telegram cercare il canale @vivereferrara o cliccare su https://t.me/vivereferrara
È attivo anche il nostro canale Facebookfacebook.com/vivereferrara/

di Alessandra Santoro
bologna@vivere.news





Questo è un articolo pubblicato il 11-09-2022 alle 08:00 sul giornale del 12 settembre 2022 - 322 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, alessandra Santoro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/do4a





logoEV