Quasi 800 bambini scrivono al Sindaco richieste, disegni pensieri per la Ferrara del futuro

3' di lettura 04/05/2022 - Sono 784 le lettere dei bambini delle scuole primarie giunte in Comune. Tanti sono i giovanissimi che hanno aderito e hanno voluto lasciare una loro proposta e un loro contributo per la Ferrara del futuro. L'iniziativa è stata messa in campo nell'ambito del progetto/concorso regionale "Siamo nati per camminare", per la promozione della mobilità pedonale 'sicura e sostenibile a partire dai percorsi casa-scuola'.

Gli studenti - delle scuole 'Franceschini', 'Alda Costa', 'Rossetti', 'Govoni', 'Bombonati', 'Villaggio INA' - si sono rivolti al sindaco Alan Fabbri con alcune richieste, desiderata, ringraziamenti, pensieri, disegni. Il primo cittadino li ha ringraziati con un video diffuso sulla propria pagina Facebook (https://fb.watch/cMDztXwWTx/), ha promesso che "valuterà ogni singola richiesta arrivata" e si è detto pronto a incontrare i vincitori del concorso, ringraziando tutti i partecipanti "per i pensieri preziosi che mi avete inviato, tutti molto significativi".
Negli 800 contributi scritti, su cartoline disegnate indirizzate proprio al sindaco, c'è anche Mark, che scrive: "Sono arrivato adesso dall'Ucraina. Grazie" dell'accoglienza. Tanti i compagni, di ogni scuola, che parlano di pace. E poi c'è chi - come Matilde, della classe seconda, sostiene la necessità di "comprare più vicino a casa". Cristian racconta il suo entusiasmo nell'aver osservato pavoni percorrendo la ciclabile per Burana, Greis da Pontegradella non vorrebbe più vedere residui di sigarette lasciati per terra.

Micol, della quarta C della 'Bombonati' chiede più panchine e giochi lungo le mura, mentre Sofia - della seconda - lancia il suo appello ai cittadini: attenzione a dove si buttano i rifiuti. E poi disegni, della città, del Castello, della campagna, dello stadio, del Grattacielo. Rocco è felice della pista ciclabile in via Arginone e chiede nuove reti nei campetti da gioco di via XVI Marzo 1853. Armando della terza C della Bombonati chiede "un punto dove la gente possa riposare, con gelati e panchine, al doccile di San Rocco". Originali, ma non meno significative, le richieste di un bimbo che chiede "case che volano per non spendere soldi per una casa al mare" e di Cristian, che nell'ottica del contenimento di energie e risorse, propone "meno pagine nei quaderni dei libri". "A Ferrara vivo bene", scrive Margherita, della prima A della Govoni. Giovanni della seconda A della scuola Bombonati sogna il pieno superamento dell'emergenza Covid e niente più mascherine. Tra le altre richieste, esigenze e proposte: uno skatepark, tavoli da pic-nic nei parchi, nuovi percorsi ciclabili, pannelli solari e auto elettriche, più cestini per i rifiuti e aree verdi attrezzate con giochi e servizi.

Rispondendo ai giovanissimi studenti il sindaco ha spiegato: "Ci stiamo impegnando per la posa di migliaia di nuovi alberi, la riqualificazione delle mura, la realizzazione di nuove aree verdi e la riqualificazioni delle esistenti, l'attenzione per i mercati a chilometro zero, il progetto del nuovo mercato coperto e la sensibilizzazione anche sui temi ambientali. Contro i mozziconi gettati a terra abbiamo aderito, ad esempio, alla campagna nazionale lanciata da Striscia la notizia, con una specifica campagna informativa. Ringrazio inoltre le associazioni e i volontari per le giornate di raccolta promosse"-

Diversi anche i pensieri legati al Po e al rapporto tra città e vie d'acqua. "Il più bel posto che ho raggiunto in bici è stato il Burana mi ha dato serenità e molta felicità", scrive Greta della Quarta D.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-05-2022 alle 09:21 sul giornale del 05 maggio 2022 - 105 letture

In questo articolo si parla di attualità, Ferrara, Comune di Ferrara, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c5tN





logoEV