Palazzo dei Diamanti, apertura fino a mezzanotte da venerdì a domenica per la mostra di Ligabue

3' di lettura 14/07/2021 - La mostra 'Antonio Ligabue, una vita d'artista', a palazzo dei Diamanti di Ferrara, aprirà fino a mezzanotte da venerdì 16 luglio a domenica 18 luglio 2021. Inaugurata il 30 ottobre, fortemente sacrificata dalle chiusure Covid, l'antologica è stata prorogata al 18 luglio e si avvia ora a segnare le 35mila presenze.

Le prenotazioni per le nuove fasce serali saranno attive da oggi alle 17, sempre sul sito di palazzo dei Diamanti: https://www.palazzodiamanti.it/
"Grazie a Ferrara Arte e a tutti i collaboratori per questo impegno straordinario dedicato alla cittadinanza e a tutti gli appassionati di questo grande artista - dice il sindaco Alan Fabbri -. Antonio Ligabue è riuscito a generare un vasto circuito di interesse e curiosità, ancora una volta l'idea di portare un grande artista che ha operato nella nostra Emilia, nata dall'intuizione di Vittorio Sgarbi, si è rivelata azzeccata e vincente.

Sarà una chiusura col botto. Nonostante le chiusure imposte dalla pandemia infatti ci avviamo a raggiungere le 35mila presenze. Ferrara c'è, ha tenuto viva l'attenzione sulla città anche durante le chiusure e si è fatta trovare pronta alla ripartenza: Ligabue compone un quadro di nove mostre, esposizioni e musei aperti. E poi ci sono i Festival musicali, gli eventi tradizionali, le tante novità in arrivo che presenteremo in queste settimane".

"D'intesa col direttore di Ferrara Arte Pietro Di Natale - spiega Marco Gulinelli - abbiamo voluto ampliare gli orari di apertura per dare la possibilità ai tanti che ne fanno richiesta di esserci e di ammirare le 107 meravigliose opere di questa antologica. È un'iniziativa anche dal forte valore simbolico: palazzo dei Diamanti amplia i propri orari, anche di sera, prima della chiusura per lavori, per darsi in pienezza al pubblico prima dell'avvio del cantiere".

Inaugurata il 31 ottobre 2020 (primo giorno di apertura al pubblico), chiusa a seguito del dpcm del 3 novembre, nuovamente riaperta il primo febbraio 2021 dopo la comunicazione dell'ingresso dell'Emilia-Romagna in zona gialla (avvenuta il 29 gennaio) e quindi ulteriormente richiusa a seguito dell'alternanza degli accessi dell'Emilia-Romagna in zona arancione e in zona rossa; solo da fine aprile - inizio maggio 'Antonio Ligabue, una vita d'artista' ha potuto stabilmente aprire i battenti al pubblico. Ad oggi le presenze sono a quota oltre 32mila. L'eco della rassegna di palazzo dei Diamanti - ricorda e sottolinea inoltre Gulinelli - è giunto fino agli Stati Uniti. Il 29 giugno, infatti, Augusto Agosta Tota, presidente della Fondazione Antonio Ligabue, nel corso della serata al Teatro Comunale dedicata proprio a Ligabue, ha annunciato che alcune opere saranno esposte al Metropolitan Museum di New York e qui Tota, con il presidente di Ferrara Arte Vittorio Sgarbi e Marzio Dall'Acqua, curatore, critico d'arte e massimo storico di Ligabue terranno un ciclo di conferenze dedicate all'autore.

In questi nove mesi, tra aperture e chiusure, dovute alla pandemia, diversi personaggi noti hanno voluto visitare l'antologica di palazzo dei Diamanti: da Giorgio Diritti, regista del premiatissimo "Volevo nascondermi", dedicato proprio alla vita di Ligabue, a John e Alain Elkann. Ancora, all'esposizione hanno partecipato: il pluripremiato regista inglese Mike Newell, Enrica Fico, imprenditrice culturale, attrice, regista, moglie di Michelangelo Antonioni, gli attori Fabrizio Gifuni, premio David di Donatello 2014 come miglior attore non protagonista per ‘Il capitale umano' e Chiara Caselli, attrice, regista e fotografa.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-07-2021 alle 08:52 sul giornale del 15 luglio 2021 - 121 letture

In questo articolo si parla di attualità, Ferrara, Comune di Ferrara, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cafE





logoEV