Decoro urbano, sopralluogo di assessori e dirigenti. Si studiano soluzioni per via Gobetti, piazza Sacrati e corso Isonzo

3' di lettura 19/02/2021 - Decoro urbano, lotta al degrado, manutenzioni e interventi di pulizia. Sono gli obiettivi al centro dei sopralluoghi che gli assessori Andrea Maggi e Alessandro Balboni, con il direttore generale Sandro Mazzatorta e i dirigenti dell'ufficio tecnico, hanno effettuato ieri in via Gobetti, piazza Sacrati e corso Isonzo.

In via Gobetti gli assessori hanno incontrato anche alcuni professionisti e titolari di attività che si affacciano sull'area: l'avvocato Giorgio Ferroni, Alessandro Davì della galleria d'arte Cloister, Marco Rossi del salone ‘Giuseppe parrucchieri'. "Stiamo studiando alcune soluzioni per dare la giusta dignità a una zona che si trova a pochi passi da piazza Trento e Trieste e che purtroppo eredita problemi antichi e che invece intendiamo risolvere. Abbiamo già individuato a inizio anno le risorse per un importante e coordinato intervento di riqualificazione dei portici e dell'intera via per eliminare il degrado e migliorare la qualità del verde. Cosa mai fatta finora", ha detto l'assessore Maggi.
Sul tema sicurezza interviene anche il vicesindaco Nicola Lodi: "Raccogliamo la sfida di affrontare altre situazioni di degrado che vogliamo risolvere con riqualificazioni - dice il vicesindaco Nicola Lodi -. Riqualificazioni che, come visto in zona stazione, sono un potente deterrente all'insicurezza e al crimine, oltre che un elemento fondamentale per restituire alla cittadinanza aree troppo a lungo dimenticate. Altri parlavano di 'percezione di insicurezza' noi pensiamo invece ad arredo urbano, utilizzo degli spazi, manutenzioni, interventi per il decoro e la tutela".

Tra i temi al centro della tappa in via Gobetti anche quello relativo alla collocazione delle isole ecologiche, tema posto anche in piazza Sacrati.
"Dal nostro insediamento - ha detto l'assessore Balboni - abbiamo messo in campo un'attenta attività di monitoraggio e valutazione delle isole ecologiche presenti nel centro storico della città. Molte erano eccessivamente vicine a palazzi o luoghi storici e di particolare interesse culturale. Abbiamo così rivisto circa 60 collocazioni, individuando spazi più idonei. Queste azioni hanno contribuito a tutelare il decoro e a proteggere la bellezza della città. L'azione di monitoraggio continua, anche per quanto riguarda le situazioni di via Gobetti e di piazza Sacrati, due luoghi storici della nostra città che in passato non hanno avuto la dovuta considerazione. Siamo quindi disponibili a individuare, con i cittadini, nuove soluzioni". C'è inoltre la piena disponibilità a realizzare partnership con i privati anche per la manutenzione delle aiuole e la piantumazione di alberi. Ne ha parlato l'assessore Maggi proprio in relazione agli spazi di piazza Sacrati: "Intendiamo lavorare d'intesa con i privati, alcuni dei quali hanno già manifestato la propria disponibilità a prendersi cura del verde di aiuole e alberi".

Nell'area di corso Isonzo al centro dei futuri progetti c'è - spiega l'assessore Maggi - la "riqualificazione dell'area verde". "Per prima cosa lungo i tracciati in ghiaia di quell'area sarà posizionato un nuovo strato di stabilizzato per rendere praticabile il passaggio a piedi anche in caso di pioggia. Con Eni intendiamo inoltre studiare soluzioni per mitigare l'effetto della presenza dell'area del cantiere, cantiere della stessa Eni". "Tutte le zone della città meritano attenzione puntuale - sottolinea Maggi -. Continuerà la verifica sul posto delle condizioni e lo studio, d'intesa con residenti e titolari di attività, di interventi per la cura del territorio".








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-02-2021 alle 10:04 sul giornale del 20 febbraio 2021 - 121 letture

In questo articolo si parla di attualità, Ferrara, Comune di Ferrara, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bOMq