Blitz della Polizia contro il degrado, presenza abusiva di 9 persone

2' di lettura 14/10/2020 - Servizi mirati alla prevenzione ed al contrasto del fenomeno dello spaccio di stupefacenti, dei reati in genere e del degrado urbano in quei luoghi in cui insistono stabili occupati abusivamente da senza tetto ed extracomunitari spesso clandestini.

I controlli disposti dal Questore Capocasa a distanza di una settimana si sono concentrati nell’area tra via Drigo e Maverna, via Scalambra e via Due Abeti e hanno consentito di riscontrare la presenza abusiva di 9 persone.

Lungo l’argine del canale di Burana all’altezza di via Drigo e di via Maverna, sotto il cavalcavia è stata riscontrata una baracca, mimetizzata tra la vegetazione da un telone in plastica di colore verde, con segni di presenza di persone, al cui interno sono stati ricavati due spazi distinti.

Situazione ancora pericolosa, all’interno dello stabile di via Due Abeti, immobile demaniale, strutturato su due piani, al cui interno erano presenti 5 cittadini extracomunitari sistemati su giacigli di fortuna ed una situazione igienico sanitaria particolarmente critica.

Le persone rintracciate sono state tutte accompagnate in Questura per la loro identificazione. Per due cittadini extracomunitari, un guineano di 21 anni e un marocchino di 50 anni, entrambi senza fissa dimora e con numerosi precedenti penali e di polizia (per resistenza a pubblico ufficiale, reiterata detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti, reati predatori e reati in materia di immigrazione), è stato avviato l’iter per la revoca dei permessi di soggiorno per motivi umanitari per il venir meno dei requisiti necessari per il riconoscimento della protezione internazionale, stante la loro pericolosità sociale.

All’interno dei ruderi di via Scalambra, sono stati rinvenuti diversi giacigli utilizzati come dormitorio di fortuna e rilevata la presenza di quattro persone, un italiano residente in altro comune, pluripregiudicato, già destinatario di un avviso orale, un cittadino polacco, un cittadino rumeno e un cittadino egiziano. Nei confronti dei due cittadini comunitari di 35 e 55 anni, con vari precedenti e condanne per reati contro il patrimonio, senza fissa dimora e sprovvisti dei mezzi di sussistenza, sono stati adottati la misura dell’allontanamento volontario dal Territorio Nazionale entro 30 giorni, al cittadino italiano è stata adottata la misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio con divieto di far ritorno nel capoluogo per tre anni.

Per il cittadino di nazionalità egiziana di 35 anni, risultato irregolare e con precedenti di polizia e penali per reati in materia di immigrazione clandestina, è stato disposto il provvedimento di espulsione dal Prefetto e Ordine di Esecuzione del Questore di accompagnamento dello straniero alla frontiera sino al paese di origine, provvedimento che veniva convalidato, stante la sussistenza dei requisiti di legge, immediatamente dal Giudice di Pace.

Al termine delle predette formalità l’egiziano veniva accompagnato nel pomeriggio di martedì con scorta specializzata all’aeroporto di Roma Ciampino e imbarcato su volo diretto per Il Cairo.






Questo è un articolo pubblicato il 14-10-2020 alle 17:40 sul giornale del 15 ottobre 2020 - 161 letture

In questo articolo si parla di cronaca, romagna, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/byBS